Design for all

Cosa si intende realmente con “Design for All”? – la parola al designer Francesco Rodighiero

Negli ultimi anni il tema del progetto accessibile, non solo su edifici e spazi pubblici e privati ma anche su prodotti e servizi, è stato riassunto coniando la definizione di “Design for All”, a volte indicato anche come “Inclusive Design” o “Universal Design”, abbracciato soprattutto da enti e aziende che riescono a immaginare progetti che possano essere fruiti dal maggior numero di persone, indipendentemente dall’età o dalle capacità motorie.

Tra le aziende che hanno puntato la loro produzione su questi principi progettuali vi è la Goman S.r.l. che da oltre un decennio ha introdotto nel mercato dell’arredo-bagno prodotti progettati e realizzati per permettere la realizzazione di un bagno di design e sicuro per tutti gli utenti, anche in presenza di anziani e persone con difficoltà motoria.

Ma oltre i principi etici, cosa è necessario nella pratica per progettare e realizzare un prodotto che rispetti i dettami del “Design for All”? E quali sono le prospettive future di evoluzione?
Per ricevere una risposta veramente tecnica abbiamo rivolto queste domande a Francesco Rodighiero, ex-Docente al Politecnico di Milano per il corso di “Design per l'accessibilità”, da diversi anni designer per Goman dei prodotti realizzati seguendo questo approccio progettuale, tra i quali i pluripremiati lavabi Flight e Prime, e membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione Design for All Italia:


1. Cosa intende lei per Design for All?

La Dichiarazione di Stoccolma del 2004 non lascia spazio a fraintendimenti e definisce il Design for All come il “[..] il design per la diversità umana, l'inclusione sociale e l'uguaglianza. [..]”. A livello più personale, utilizzo i principi del DfA perché i prodotti per persone con disabilità abbiano la stessa cura dei prodotti del classico mondo del Design.


2. Come progetta un prodotto seguendo i principi del Design for All?

I progetti nascono sempre dall’osservazione, dalla ricerca e principalmente dalle richieste della committenza. Il design for All mi è utile per avere molta attenzione all’utenza ampliata: il Design tradizionale progetta spesso e volentieri per astrazione considerando l’uomo standard. Di fatto l’uomo standard non esiste, ma è invece un sistema complesso di abilità diversificate, a volte disabilità, e soprattutto desideri, aspirazioni.


3. Si avvale anche del confronto con altri professionisti?

Nello Studio Rodighiero ho la fortuna di avere un padre ingegnere che mi supporta in alcune soluzioni tecniche, i prodotti per le persone con disabilità a norma devono rispettare le portate e quindi sollecitazioni e sforzi di svariate centinaia di kg. Dall’altro lato ho un fratello architetto che mi aiuta a considerare e contestualizzare i prodotti all’interno di ambienti ricercati e contemporanei. Mi considero fortunato.


4. Come si è evoluta negli anni la progettazione “senza barriere architettoniche”?

Sicuramente negli ultimi vent’anni si fa molta più attenzione alle barriere architettoniche, anche se risolvono solo una parte del ‘problema’. Rendere accessibile un museo non significa rendere fruibile a tutti l’esposizione. Basti pensare ai non vedenti… In questo senso, è meglio avere un approccio inclusivo come il DfA e rendere l’abbattimento delle barriere architettoniche un sottoinsieme del processo di progettazione.


5. Si ritiene soddisfatto del percorso evolutivo della progettazione?

Sì, se vedessi anche grandi designer e archistar progettare in modo inclusivo…


6. Quali sono, secondo lei, gli aspetti che meritano più attenzione per il futuro?

L’invecchiamento della popolazione e la sua longevità sono fattori che non si possono non tenere in considerazione. E gli anziani di oggi sono persone che non voglio sentirsi tali, sono connessi alla rete e tecnologicamente educati grazie ai dispositivi mobili. In questo contesto, la dignità delle persone sarà sempre più importante. Non ci può più permettere di progettare ausili dal sapore ospedaliero, e, più in generale, mettere in commercio prodotti difficili da comprendere e utilizzare.


7. Come giudica la vision di Goman riguardo il Design for All? Avete nuovi progetti in cantiere?

Estremamente nobile. Sono rarissime le aziende che rischiano proponendo prodotti innovativi e inclusivi, che, nel suo settore, possono risultare dirompenti e inusuali. Ci vuole coraggio e determinazione. Dai risultati soddisfacenti delle vendite di Prime e dalla selezione per il Compasso D’Oro ADI, stiamo cogliendo l’occasione per sviluppare insieme al dipartimento di R&S un progetto nuovo che fa tesoro delle novità degli ultimi successi.



Richiedi Informazioni

SCRIVICICHIAMACI